Villa Paradiso

  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • MFS_0618
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova
  • Villa Paradiso - Genova

ID proprietà : 106

Vendita €3.800.000,00 - Appartamento
500 mq 4 Camere da letto 6 Bagni 3 Garage
 
 Aggiungi ai Preferiti
Stampa

Appartamento di prestigio, nella famosa villa Paradiso, una delle principali ville genovesi nel cuore della zona signorile di Albaro. La villa fu commissionata dalla famiglia Saluzzo come casa di villeggiatura, all’architetto Ceresola a fine ‘500.
La meravigliosa villa è circondata dal maestoso parco di 10.000 mq con annesso boschetto di pini marittimi e giardino all’italiana.
L’appartamento si estende su due piani, gli interni presentano preziose decorazioni ed affreschi attribuibili ad Ansaldo, Castello e Tavarone.
Al piano terra si trova la zona giorno, con cucina abitabile, studio, sala da pranzo doppia e soggiorno. Al primo piano si sviluppa invece la zona notte, composta dalla camera padronale con due cabine armadio e doppi servizi, una camera en suite ed altre due camere da letto.
Compresi nella proprietà sono posto auto, box triplo, giardino all’italiana di 500 mq e parco privato di 600 mq.

Costruita dal Vannone nell’ultimo decennio del XVI secolo su committenza di Giacomo Saluzzo[3] come residenza di villeggiatura della famiglia, nel 1837 la villa, al cui acquisto era interessato anche il celebre violinista Niccolò Paganini, divenne proprietà del marchese Henri de Podenas; nel 1886 fu venduta dagli eredi del nobile francese alla famiglia Bombrini, nelle cui mani è rimasta fino agli anni duemila.
In tempi recenti fu suddivisa in tre appartamenti, uno dei quali, con annesso un seminterrato, fu abitato dal 1959 al 1995 dalla famiglia del cantautore Fabrizio De André [7][8][9] che qui compose i suoi primi lavori.
Il giardino è collegato al piazzale superiore attraverso rampe di scale e vialetti. Pare che il parco abbia conservato l’aspetto originario: è stato identificato con quello raffigurato nel dipinto di Alessandro Magnasco del 1735, conservato a Palazzo Bianco; il pittore ci ha lasciato un’istantanea della vita e dell’ambiente in cui la società ricca trascorreva la sua villeggiatura nella prima metà del XVIII secolo. Nel dipinto si vedono piccoli gruppi di persone nel giardino della villa intente a conversazioni, danze e giochi di carte, sullo sfondo della piana del Bisagno, nella zona di San Fruttuoso, ancora tutta coltivata a orti.

 

iin facebookiin Instagram

Mappa degli Immobili

Altre proprietà

Lascia un commento